Suggerimenti per vivere meglio la quarantena

In queste giornate di reclusione forzata, causa quarantena covid-19, si trovano in rete tantissimi spunti interessanti: molte persone mettono a disposizione le loro conoscenze e i loro talenti per aiutare gli altri a vivere al meglio questo periodo. Ho pensato di raccogliere qui alcune delle cose che personalmente ho trovato utili e che penso possa essere interessante condividere.

Cose di me che forse non sapete

Premessa: se non avete tanta voglia di leggere, potete passare al paragrafo successivo dove trovate Cose di me un po’ a caso. Occuparsi di fotografia, in tempi come questi, richiede una presenza importante, costante e continuativa sul web. La pubblicazione regolare di fotografie e post che mostrano il proprio lavoro non è sufficiente: bisogna pubblicare continuamente stories, foto e video in cui si parla di sé, in cui ci si mostra in tutte le situazioni possibili. Non è più possibile andarsene in giro per i fatti propri, magari in vacanza o semplicemente al ristorante, senza doversi ogni tanto estraniare per condividere sul web quello che si sta facendo. Tutte le teorie del Marketing sul Web dicono che bisogna “metterci la faccia”, mostrarsi, raccontare la propria vita perché alle persone interessa questo. Combatto con questa cosa da tempo: non fa per me, per una serie di motivi. Il motivo principale è che sono una persona esageratamente riservata: faccio molta fatica a raccontare i fatti miei sul web, parlare di me mi imbarazza. Mi piacerebbe molto di più poter incontrare di persona chi mi segue, magari davanti ad un caffè o un buon bicchiere di vino, e allora non avrei problemi a […]

HUG ME – Giornata mondiale dell’abbraccio

Questa mattina ho sentito per radio che il 21 Gennaio è la giornata mondiale degli Abbracci e io adoro gli abbracci! Così ho pensato che fosse l’occasione giusta per rispolverare il mio “vecchio” progetto HUG ME, che mi è piaciuto un sacco e che non ho mai pubblicato qui sul blog. Si tratta di 9 abbracci, fra amici, amiche, coppie, padre e figlio… per questo progetto ho voluto solo adulti e l’unica condizione era che avessero voglia di abbracciarsi (ma abbracciarsi per davvero!) pelle contro pelle, per ridurre al minimo le possibili barriere fra di loro. Avrei voluto continuare il progetto… non l’ho fatto, ma non è detto che non lo riprenda più avanti. Così come non è escluso che riprenda in considerazione anche la possibilità di tatuarmi “hug me” sulla pelle… avrei voluto farlo un po’ di tempo fa’, ma il il caso ha voluto che non riuscissi…   Francesco Bruno e Sonia Canterini hanno di recente scritto un libro “La scienza degli abbracci. Alla scoperta del nostro cervello socio-emotivo” (che sicuramente leggerò) e aperto una pagina Facebook con lo stesso nome: ci si trovano alcuni articoli interessanti e tante belle citazioni. Andate a leggerne qualcuna… questa è una delle mie […]

La nascita di Marlena | Servizio fotografico nascita Bologna

Questa volta non sono arrivata in tempo… questo doveva essere per me il secondo servizio fotografico durante una nascita, ma il parto è stato talmente veloce che non ho avuto il tempo materiale per arrivare prima che Marlena venisse alla luce.  Così, quando sono arrivata, quello che ho trovato è stato questo fagottino appoggiato sul letto, con un papà super felice in adorazione. Marlena era nata da mezz’ora circa: posso dire che questo è stato il mio servizio Newborn più “newborn” in assoluto!  C’era stato un falso allarme quella mattina: mi ero preparata per partire, ma poi l’allarme è rientrato.  La sera ho lavorato fino a tardi: mi ero appena messa a letto a mezzanotte, quando Melinda, l’ostetrica, mi ha chiamato per dirmi che il travaglio era iniziato. Mi sono rialzata immediatamente e mi sono rivestita di corsa, con i gatti che mi guardavano straniti. Ero un po’ stranita anch’io… Un caffè veloce e sono partita. In autostrada c’eravamo io e i camionisti.  Durante il viaggio cercavo di immaginare come sarebbe stato questo parto, ripercorrevo mentalmente il parto a cui avevo assistito 20 mesi prima: era la stessa famiglia, la stessa casa, lo stesso team di ostetriche. Chissà se il parto sarebbe […]

Sephora | Racconto di una Nascita

Con Melinda ne avevamo parlato: mi sarebbe piaciuto provare a fare foto durante un parto, e visto che lei, come ostetrica, sostiene e pratica il parto in casa, forse avrebbe potuto creare la situazione giusta. Così, alla prima occasione in cui una famiglia si è dimostrata interessata, ci siamo organizzate Ero stata molto chiara con lei: non lo avevo mai fatto e non sapevo come avrei potuto reagire. Sono facilmente impressionabile e il rischio che svenissi alla prima contrazione era molto alto: se i genitori volevano essere sicuri di avere le foto avrebbero fatto meglio a rivolgersi a un’altra fotografa. Ma mi hanno voluto dare fiducia e io mi sono messa volentieri a disposizione, anche se non ci contavo molto: perché io potessi essere presente alla nascita di Sephora si sarebbero dovute incastrare tante cose, e mi sembrava una possibilità molto remota. Ma è successo. L’11 Agosto alle 7:30 Melinda mi chiama: durante la notte c’erano state le prime contrazioni e, se volevo, potevo raggiungerla. Incredibilmente per quella giornata non avevo impegni. Sephora mi aveva aspettato. Bene. Ho messo giù, ho respirato profondamente e… ho passato i successivi 15 minuti in bagno. L’agitazione mi fa questo effetto, non c’è niente […]